Gli effetti benefici della musicoterapia

“La musica è la miglior medicina dell’anima” disse Platone e in effetti le emozioni che ci regalano le nostre canzoni preferite ci aiutano a vivere decisamente meglio.

Negli ultimi anni si sta diffondendo sempre di più la musicoterapia, un approccio terapeutico che utilizza suoni e sinfonie per stimolare le capacità cognitive ed emozionali di un individuo. Tale tecnica ha richiamato l’attenzione del mondo scientifico il quale, attraverso una serie di studi, ha dimostrato l’effetto positivo della musica sulla nostra salute mentale e fisica.

Vediamo insieme quindi in cosa consiste nello specifico la musicoterapia e soprattutto quali sono i suoi benefici.

Musicoterapia: un approccio rivoluzionario

Le origini della musicoterapia risalgono alla prima metà del ‘700 grazie ai trattati del medico musicista londinese Richard Brockiesby, ma fu solo verso la fine dell’800 con il tedesco Karl Strumpf che si iniziò a studiare dal punto di vista scientifico il trattamento.

La musicoterapia si basa sul fatto che i suoni e le melodie possono influenzare gli stati d’animo degli individui e apportare una serie di cambiamenti positivi all’organismo umano. Negli anni si sono distinti diverse tecniche di terapia. Le due più diffuse prevedono o il coinvolgimento attivo del paziente, attraverso l’utilizzo di uno strumento o della voce, oppure un approccio passivo basato sul semplice ascolto di musica.

Effetti benefici della musicoterapia

Quello tra musica e organismo umano è un rapporto di estrema affinità: una buona melodia infatti è in grado di avere effetti non solo sul sistema nervoso, ma anche sull’asse ipotalamo-ipofisario e sul sistema cardiocircolatorio.

I vantaggi derivanti dalla terapia del suono sono tanti. Studi scientifici hanno dimostrato ad esempio che l’approccio, grazie alla produzione di serotonina, rappresenta un ottimo aiuto contro la depressione, l’ansia e l’insonnia. Inoltre riduce notevolmente il cortisolo, aiutando a gestire meglio lo stress.

Il trattamento permette anche di ridurre la percezione del dolore e a migliorare le capacità di sforzo fisico e di recupero, motivo per il quale viene spesso consigliato a chi fa attività fisica regolare. Gli scienziati hanno notato inoltre che dopo aver ascoltato musica si ha un incremento dell’immunoglobulina A, dimostrando gli effetti positivi della terapia anche sul sistema immunitario.

La musicoterapia permette poi di migliorare il ritmo della respirazione, le capacità motorie, la circolazione sanguigna e anche l’espressione verbale, rafforzando così le relazioni interpersonali.

Gli effetti positivi della terapia del suono valgono per tutte le età, anche per i più piccoli. Infatti l’ascolto di musica durante i primi anni di vita aiuta i bambini a migliorare lo sviluppo cognitivo ed emotivo e a prevenire disturbi di apprendimento.

Ricapitolando la musicoterapia comporta i seguenti benefici:

  • Combatte la depressione e l’ansia
  • Aiuta a gestire lo stress
  • Migliora l’espressione verbale
  • Migliora il ritmo della respirazione
  • Combatte l’insonnia
  • Migliora l’equilibrio
  • Regolarizza l’umore
  • Rafforza il sistema immunitario
  • Migliora la circolazione sanguigna
  • Riduce il dolore

La terapia del suono è dunque una vera e propria medicina naturale in grado di accrescere il benessere personale, un toccasana per vivere la vita a pieno ritmo.