Cos’è l’Operatic Pop?

La musica è sentimento, è esplorazione, è scoperta ed è commistione.
Capita non di rado che gli esperti delle settore giochino coi suoni, con le voci e con gli stili. E fare ciò arricchisce sempre la scena musicale mondiale, regalandole novità ed emozioni fino ad allora non raggiunte. In questo modo, tramite questi esperimenti, si sviluppano degli incroci musicali, degli ibridi, dei crossover.

Esiste un sottogenere musicale che fonde anche due mondi apparentemente molto distanti. Si tratta dell’opera classica e della musica pop.
Il loro incontro ha fatto nascere l’Operatic Pop, anche nota come Pop Opera.
Ritenuta un vero e proprio genere, dal 1990 si è fatta largo ottenendo un propria lista su Billboard.

Le forme

L’Operatic Pop è un sottogenere molto esteso. Al suo interno sono state infatti sviluppate varie forme ben distinte tra loro. La più nota e diffusa di esse prevede che un interprete di musica leggera esegua in stile opera lirica un brano al di fuori del repertorio classico.
Un’altra riguarda la parte di repertorio leggero nella quale un cantante lirico si esibisce seguendo lo stile adottato nel melodramma.
E ancora una che vede cantanti e musicisti contemporanei eseguire brani di musica classica antica adattando sonorità e ritmi moderni.

Crossover musicale

Il crossover è un incrocio tra due elementi distinti. Il crossover musicale descrive del materiale preso in prestito da più generi distinti tra loro, la cui notorietà sovrasta i limiti degli stili stessi e dei gusti specifici. E la Pop Opera si avvicina al crossover musicale per l’appunto. La si assimila quasi al baroque pop, chiamato nell’editoria e nell’impresa discografica britannica Popera.

Teatro

Le opere del sottogenere sono il larga scala destinate al teatro o alle trasposizioni cinematografiche, prevalentemente in forma di musical. Di norma sono ben strutturate e articolate. Tra esse figurano Cats, Jusus Christ Superstar, Il fantasma dell’Opera e tante altre di questo calibro.

Pavarotti

Luciano Pavarotti è stato un incredibile pioniere dell’Operatic Pop. Ha avuto in più la grandissima funzione di allontanarlo soltanto da un settore limitato ed espanderlo rendendolo mainstream. All’inizio degli anni Novanta infatti lanciò il suo format dal grande successo Pavarotti & Friends. Capolavoro assoluto dell’esperimento fu Miserere, dell’incredibile tenore assieme a Zucchero Fornaciari.

Oggi

Ormai il matrimonio tra musica classica e musica pop non è più né una novità né una rarità. Il Festival di Sanremo ha infatti sugellato parecchie unioni di questo stampo. Da Andrea Bocelli, vincitore con un brano firmato da Fornaciari, Il mare calmo della sera, ad Albano Carrisi che si presta al classico, fino ad arrivare a Il Volo, tantissime sono state le occasioni in cui la Pop Opera ha occupato le scale di Sanremo.