“Funiculì Funiculà”: l’inaugurazione della prima funicolare del Vesuvio

Non c’è partenopeo al mondo che non conosca “Funiculì Funiculà“, uno dei brani della canzone classica napoletana più famosi, per la verità, in tutto il globo.

Simbolo di Napoli nel mondo, possiede origini incredibilmente interessanti e curiose da scoprire.

Ripercorriamo insieme, quindi, la sua storia!

La prima funicolare del Vesuvio

“Funiculì Funiculà” ha preso forma nel 1880, quando il giornalista Giuseppe – detto Peppino – Turco ne scrisse il testo e il compositore Luigi Denza lo musicò.

L’idea nacque con un’ispirazione singolare: l’inaugurazione della prima funicolare del Vesuvio, costruita nel 1879, che permetteva di raggiungere, per la prima volta, la cima del vulcano. All’epoca, infatti, si trattava dell’unico impianto di risalita al mondo operante su un vulcano attivo!

Ma gli eventi si incrociarono, in quel frangente, quasi per caso: Denza, infatti, era in quegli anni direttore del Conservatorio di Londra, ma si ritrovò a Castellammare di Stabia, per trascorrervi le ferie, proprio nell’estate del 1880; fu nell’albergo in cui soggiornava che incontrò il giornalista partenopeo, che sostava lì, invece, per motivi di salute.

Il brano venne pubblicato nello stesso anno dalla Ricordi e, proposto per la prima volta nella Reggia di Quisisana a Castellammare di Stabia e presentato alla Festa di Piedigrotta, riscosse sin da subito un enorme successo, in Italia come all’estero, tanto che Richard Strauss lo incluse addirittura fra i temi del suo poema sinfonico “Dall’Italia”, ispirato proprio da un viaggio compiuto nel Belpaese nella stessa estate.

Il successo

Aisséra, oje Nanniné, me ne sagliette,
tu saje addó, tu saje addó
Addó ‘stu core ‘ngrato cchiù dispietto
farme nun pò! (Farme nun pò)
Addó lu fuoco coce, ma se fuje
te lassa sta! (Te lassa sta!)
E nun te corre appriesso, nun te struje
sulo a guardà (sulo a guardà).

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Né, jamme da la terra a la montagna!
Nu passo nc’è! Nu passo nc’è!
Se vede Francia, Proceta e la Spagna…
Io veco a tte! Io veco a tte!
Tirato co la fune, ditto ‘nfatto,
‘ncielo se va, ‘ncielo se va.
Se va comm’ ‘a lu viento a l’intrasatto,
guè, saglie, sà!

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Se n’è sagliuta, oje né, se n’è sagliuta,
la capa già! (La capa già!)
È gghiuta, po’ è turnata, po’ è venuta,
sta sempe ccà! (Sta sempe ccà!)
La capa vota, vota, attuorno, attuorno,
attuorno a tte! Attuorno a tte!
Stu core canta sempe nel taluorno:
Sposamme, oje né! Sposamme, oje né!

Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
Jamme, jamme ‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!
funiculì, funiculà!
‘ncoppa, jamme jà,
funiculì, funiculà!

Il testo, come sappiamo, descrive a tutti – napoletani e turisti viaggiatori – il privilegio offerto dal nuovo mezzo di trasporto: salire senza fatica sul Vesuvio, godendosi un panorama senza eguali.

A inizio Novecento, Denza ne compose anche una versione in “italiano nazionale”, utilizzando parole che, però, ad una prima lettura potrebbero addirittura far sorridere.

La Ricordi ne vendette un milione di copie in un solo anno: un record incredibile, soprattutto per quei tempi.

Ed il passare dei decenni non ha scalfito il fascino di questa canzone: sono stati tantissimi, infatti, i grandi tenori che l’hanno interpretata, passando da Luciano Pavarotti e Andrea Bocelli al cosiddetto “Soviet Sinatra“, cioè Muslim Magomaev.

Il compositore russo Nikolaj Rimskij-Korsakov ha regalato al mondo anche una sua versione orchestrale (“Canzone napoletana”).

Tantissimi anche i film che ne hanno fatto colonna sonora, come “No grazie, il caffè mi rende nervoso” con i mitici Massimo Troisi e Lello Arena, “Shine” con Geoffrey Rush, “I due colonnelli” con Totò, ed il moderno e divertentissimo “Benvenuti al Nord” con Claudio Bisio e Alessandro Siani.